Da Roma a Santiago: le principali vie di pellegrinaggio

Il Cammino di Santiago è una delle vie di pellegrinaggio più importanti del mondo. I pellegrini di tutto il mondo arrivano ogni anno alla piazza dell’Obradoiro dopo aver percorso centinaia di chilometri lungo una delle vie giacobine. La spiritualità che la circonda e valori come l’accoglienza e la fraternità la rendono speciale. Ma non unico.

In tutti i diversi continenti ci sono altre vie di pellegrinaggio. Tutti con le loro tradizioni e i loro riti. E alcuni di loro sono strettamente legati alle vie giacobine, alla loro filosofia e alla loro storia. Oggi parliamo degli altri Cammini di Santiago: le vie di pellegrinaggio più importanti che esistono nel mondo.

Il Cammino di Santiago

Il Cammino di Santiago è, come tutti sappiamo, una delle vie di pellegrinaggio più importanti d’Europa. Dichiarata patrimonio dell’umanità e primo itinerario culturale europeo, la sua origine è profondamente religiosa, in particolare cattolica.

Il Cammino Giacobeo porta i pellegrini a dirigere i loro passi verso la Cattedrale di Santiago de Compostela, dove riposano i resti dell’apostolo San Giacomo. L’origine di questa rete di itinerari risale all’anno 821, quando fu scoperto il corpo del Santo e il re Alfonso I il Casto si recò a Santiago per verificare la scoperta.

Da allora, centinaia di pellegrini si dirigono ogni anno verso la capitale della Galizia. Anche se molte delle persone che lo percorrono mantengono vivo questo sentimento più religioso o spirituale, negli ultimi decenni si sono moltiplicati i motivi per percorrere questo antico itinerario: da sportivo a culturale o turistico.

Anche se è la via di pellegrinaggio più importante della Spagna, il Camino de Santiago non è l’unico. Uno dei più popolari è il Camino de la Vera Cruz, che ha come destinazione l’omonimo santuario di Caravaca de la Cruz, Murcia.

Spicca anche il Cammino Ignaziano, un percorso che ricrea l’itinerario fatto da Ignazio di Loyola tra la sua città natale ad Azpeitia (Guipúzkoa) e Manresa, vicino al monastero di Montserrat. Fece questo pellegrinaggio nel 1522 dopo la sua conversione spirituale e la sua destinazione finale fu Gerusalemme.

Via Francigena

La Via Francigena inizia a Canterbury e attraversa 1.800 chilometri in tutta Europa fino a raggiungere Roma. Questo percorso, dichiarato anche Itinerario Culturale Europeo, risale al 990, anno in cui il vescovo Sigerio lo percorse.

La Via Francigena è uno dei principali percorsi che portano a Roma, uno dei maggiori centri di pellegrinaggio della cristianità. Le sue origini risalgono ai primi secoli del cristianesimo quando i pellegrini camminavano verso le tombe di San Pietro e San Paolo, i protagonisti della cosiddetta prima Chiesa di Cristo.

Ma la Via Francigena non porta solo a Roma. Attraverso di essa, i pellegrini possono anche raggiungere Gerusalemme, l’altro centro di pellegrinaggio cristiano attraverso il porto della Puglia; o anche Compostela, portando i pellegrini italiani da sud a nord fino alle Alpi per collegarsi con altri itinerari giacobini.

Percorso Mariano e Caminhos a Fátima

Lourdes (Francia) e Fatima (Portogallo) sono altri punti di pellegrinaggio cristiano che ogni anno muovono centinaia di persone.

La Via Mariana è l’itinerario che porta i pellegrini al santuario di Lourdes, attraverso il quale passano più di 6 milioni di persone ogni anno. Oggi, la Via Mariana è un itinerario di fede e cultura che unisce i santuari di Pilar, Torreciudad, Montserrat, Lourdes e Meritxell, eccezionali templi mariani situati in Francia e Spagna.

Fátima, in Portogallo, è un’altra destinazione popolare per i pellegrini. Ci sono diversi percorsi – Caminhos de Fátima – che attraversano il territorio portoghese. Ci sono tre percorsi principali: il Cammino del Tago (che va da Lisbona a Fátima per 143 km), il Cammino di Nazaré (che collega Nazaré e Fátima) e il Cammino del Nord, che inizia a Valença.

Quest’ultimo coincide nel suo percorso con il Cammino Portoghese di Santiago, dove il pellegrino vedrà due frecce in direzioni opposte: quella gialla del Cammino di Santiago e quella blu che porta a Fatima.

Il cammino di Sant’Olav

Nel nord dell’Europa troviamo il Cammino di Sant’Olav o Cammino di Nidaros, ufficialmente riconosciuto come Itinerario Culturale Europeo.

È lunga 650 km, tra le città di Oslo e Trondheim. In quest’ultima città si trova la Cattedrale di Nidaros, dedicata a Sant’Olav, martirizzato nel 1030 dopo aver dedicato la sua vita a proclamare il cristianesimo in tutto il paese della Norvegia.

Insieme a Santiago, Gerusalemme e Roma, fu una delle grandi mete di pellegrinaggio del Medioevo. Con l’arrivo del protestantesimo in Norvegia, la via scomparve. Non è stato fino al 1997 che è stato rianimato e ha riconquistato i pellegrini.

Il Cammino di Sant’Olav consiste in più di 5.000 km di percorsi in tutta la Scandinavia, con due itinerari principali: una variante che viene dalla Svezia e un itinerario che attraversa interamente la Norvegia. Questo percorso ha le sue Compostela e Credencial.

Come curiosità, a Burgos c’è il ‘Camino de San Olav’ spagnolo, che corre tra Burgos e Covarrubias, dove c’è la cappella di San Olav. Il percorso è molto maneggevole per l’escursionista, dato che si estende per circa 60 km.

Kumano Kodo

Più di mille anni fa, il Cammino di Kumano o Kumano Kodo (熊野古道) è uno dei percorsi di pellegrinaggio più famosi del Giappone. Luogo sacro da tempo immemorabile, Kumano è una remota regione montuosa situata a sud di Kyoto e Osaka nella penisola di Kii.

Il Kumano Kodo Way è una vasta rete di diversi sentieri che collegano i tre grandi santuari di Kumano o Kumano Sanzan (熊野三山): Hongu Taisha Shrine (熊野本宮大社) a Hongu, Hayatama Taisha Shrine (熊野速玉大社) a Shingu e Nachi Taisha Shrine (熊野那智大社) a Nachi. Quattro sono i percorsi principali di questo Cammino di cui potete saperne di più qui.

Il Kumano Kodo è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 2004, una distinzione che solo un altro percorso di pellegrinaggio ha: il Cammino di Santiago. Questo ha portato al gemellaggio di entrambi i percorsi nel 2018 attraverso l’iniziativa Dual Pilgrim, che promuove il pellegrinaggio su entrambi i percorsi.

Altri luoghi di pellegrinaggio

Oltre alle importanti vie di pellegrinaggio, in tutto il mondo ci sono luoghi dove milioni di persone vanno ogni anno, anche se non lo fanno lungo un percorso specifico. Tra questi ne evidenziamo tre:

Mecca

La Mecca è uno dei luoghi più importanti per l’Islam. La città della Mecca si trova in Arabia Saudita e per i musulmani è un luogo sacro: tutti devono fare un pellegrinaggio almeno una volta nella vita e pregare nella moschea.

Bodh Gaya

Questa città nel nord-ovest dell’India è sacra per il buddismo, poiché è il luogo dove il principe Siddhartha Gautama raggiunse il nirvana, diventando Buddha. Nel luogo esatto dove meditò c’è un albero di fico che è considerato un discendente diretto dell’albero Bodhi originale e accanto ad esso c’è il complesso del tempio Mahabodhi, uno dei più grandi del buddismo.

Varanasi o Varanasi

Questa città indiana, sulla riva occidentale del fiume Gange, è uno dei sette luoghi sacri per la religione indù. Con 20 milioni di pellegrini all’anno è il centro di pellegrinaggio più frequentato del mondo. Secondo la religione indù, tutti i fedeli devono visitare Varanasi almeno una volta nella loro vita, purificando il loro corpo con bagni in uno dei più di 100 ghat della città; scale che scendono verso il fiume Gange.

Speriamo che vi sia piaciuto questo viaggio attraverso le principali vie di pellegrinaggio nel mondo. Siamo sicuri di averne perso qualcuno. Per questo vi invitiamo a raccontarci le vostre esperienze su uno di questi percorsi o su altri che avete fatto anche voi. Buon Cammino, pellegrini!

Condividi :

Twitter
Telegram
WhatsApp

Cerca il tuo cammino o trekking selezionando anche la regione